Bambin Gesù. Cambio appalto complesso, ma tutelati tutti i lavoratori

30 Dic 2021

Abbiamo ottenuto la piena salvaguardia occupazionale e salariale, garantendo, a partire dal 1 gennaio 2022, tutte le stesse condizioni contrattuali maturate e maturande sino al momento del cambio appalto e senza periodo di prova.

In questo mese di dicembre abbiamo dovuto affrontare svariati cambi appalto nel Lazio, ma certamente il più complesso è stato quello dell’Ospedale Bambin Gesù che ha visto coinvolti 485 lavoratori esternalizzati dei servizi infermieristici tecnico sanitari e OSS.


Lo comunicano in una nota il Segretario Regionale UIL FPL Roma Lazio Massimo Mattei ed il Responsabile Dipartimento III Settore UIL FPL Roma e Lazio Pietro Bardoscia.

Nonostante le nostre perplessità e lo sconcerto iniziale di fronte ad un cambio appalto deciso dall’amministrazione aggiudicatrice in un lasso di tempo molto ristretto, siamo tuttavia riusciti a concludere, grazie alla buona volontà di tutti, dalla cooperativa subentrante Auxilium, alle organizzazioni sindacali, sino alla dirigenza del Bambin Gesù, un ottimo accordo. Abbiamo ottenuto
la piena salvaguardia occupazionale e salariale, garantendo, a partire dal 1 gennaio 2022, tutte le stesse condizioni contrattuali maturate e maturande sino al momento del cambio appalto e senza periodo di prova.

Possiamo ritenerci soddisfatti – concludono Mattei e Bardoscia – per aver tutelato questi grandi professionisti e professioniste, i quali con grande abnegazione stanno lavorando a tutela della salute dei cittadini laziali, senza sosta, soprattutto in un periodo complesso come quello legato alla Pandemia.