Cup Lazio: nessun taglio. Continua la trattativa in difesa dell’occupazione e dei salari

Negli ultimi anni abbiamo affrontato molte volte sui nostri organi ufficiali d’informazione la tematica legata ai cambi appalto dei servizi CUP del territorio della nostra regione. Spesso abbiamo parlato dei tanti momenti critici affrontati, di forte contrasto e di mobilitazione. Oggi, finalmente, possiamo trattare la tematica con uno spirito diverso, guardando al futuro con maggiore ottimismo, un sentimento esclusivamente frutto di quello che noi come Sindacato abbiamo costruito negli anni. Nei giorni scorsi, infatti, come UIL FPL Roma e Lazio, abbiamo sottoscritto un accordo molto importante che conferma la salvaguardia dei diritti, dei salari e dei posti di lavoro di tutti gli operatori dei CUP che lavorano nelle Aziende sanitarie della Regione Lazio. Come ha spiegato anche il nostro Segretario Regionale con delega al Terzo Settore, Massimo Mattei, si tratta di un accordo positivo in grado di indicare come data limite il prossimo 1 dicembre per quanto riguarda tutti i cambi appalto nelle diverse ASL, con il mantenimento dell’anzianità di servizio, anche ai fini retributivi, e il mantenimento delle tutele previste dall’art.18. E proprio rispetto all’anzianità di servizio vogliamo sottolineare come l’incisività della battaglia portata avanti dalla UIL FPL Roma e Lazio e dalle altre sigle coinvolte, abbia portato ad un impegno della Regione a farsi carico di tutte quelle situazioni legate ai cambi di appalto non ancora conclusi. Inutile dire che non saremmo qui a parlare di questo grande risultato senza la spinta profusa dalle mobilitazioni organizzate con e per i lavoratori. Ora abbiamo delle garanzie importanti sul futuro dei lavoratori e con questa base ci apprestiamo ad entrare in una fase tanto importante quanto delicata. Inutile ripetere che continueremo a tenere gli occhi ben aperti rispetto ai singoli cambi appalto e che ci aspettiamo che la Regione Lazio faccia lo stesso con le ASL committenti, affinché tutte le condizioni stabilite vengano recepite per tutti i lavoratori coinvolti. La nostra attenzione rimane alta, così come lo sarà per i cambi appalto del Recup e per quelli relativi ai servizi amministrativi, a partire dalla Asl Rm2 e Asl Rm3, situazioni che al momento destano preoccupazione. La Regione nell’accordo di cui vi abbiamo parlato si è impegnata ad intervenire per risolvere i problemi relativi a questi cambi appalto e noi, come UIL FPL, auspichiamo che questo intervento sia incisivo e soprattutto celere. Come abbiamo sottolineato anche ieri durante un incontro sugli amministrativi della Asl Rm2, infatti, non abbiamo alcuna intenzione di fermarci finché anche per questi lavoratori non saranno garantiti diritti, tutele, salari e posti di lavoro!

 

 

il Volantino III V febbraio

il Volantino III IV febbraio

il Volantino III III gennaio

il Volantino III II gennaio