Il 2018 è stato l'anno della conquista, ora continuiamo insieme nel 2019!

Se il 2017 ha rappresentato per noi un anno di transizione, il 2018 è stato sin da subito l’anno della conquista e della rivalsa per ciò che riguarda molte delle battaglie storiche messe in campo dalla UIL FPL. Questo, ovviamente, non è un ragionamento frutto del caso, visto che quanto conquistato nell’anno che oggi si chiude deriva direttamente dalla nostra azione lungimirante. Il 2018 doveva essere l’anno dei contratti e lo è stato, per cominciare, per quanto riguarda il pubblico impiego. In tal senso, abbiamo preparato la strada sin dal 2016 con l’accordo del 30 novembre e durante l’anno che si appresta a concludersi abbiamo messo finalmente la parola fine ad una vicenda che si protraeva da anni nonostante in molti remassero contro.

Questo ha significato principalmente rendere dignità a milioni di lavoratori in barba alle strumentali demagogie messe in campo da realtà autonome che lasciano il tempo che trovano. Possiamo dire, dunque, che il risultato agognato da anni ha rappresentato per noi un punto di svolta importante anche in ottica futura, gettando le basi per le prossime trattative che dovranno partire al più presto per il prossimo triennio. E sempre in ambito contrattuale, nell’anno che volge al termine abbiamo messo in campo un’azione di enorme rilevanza anche nell’ambito sanitario privato, dove attualmente la situazione rimane complicata. In questo 2018 abbiamo dato vita a mobilitazioni importanti, culminate in uno sciopero regionale organizzato durante il mese appena trascorso e non abbiamo alcuna intenzione di fermarci. Per l’anno che verrà vogliamo sin da ora essere chiari: la nostra prospettiva è un contratto in tempi brevi per il settore sanitario privato. Se ciò non avverrà il 2019 inizierà all’insegna della mobilitazione. Lo stesso, sia chiaro, vale per le diverse vertenze legate al terzo settore, iniziando da quella dei CUP, che continua a presentare problemi nei diversi cambi appalto nonostante il 2018, anche in questo caso, abbia rappresentato l’anno dello sblocco della vertenza attraverso appositi accordi sottoscritti tra sindacati e Regione Lazio, con importanti novità anche a livello normativo.

Insomma, se da una parte abbiamo ottenuto molto, la carne al fuoco è ancora diversa, così come la nostra voglia di fare ancora la differenza. Per questo 2019 l’obiettivo è non abbassare la guardia e continuare seguendo la direttrice percorsa negli ultimi anni, soprattutto nel 2018, dando seguito alle lotte ancora in corso per rendere sempre migliore la condizione di tutti i lavoratori dei comparti da noi rappresentati. Vi porgiamo dunque un augurio di buon anno, ricordandovi che anche nell’anno che verrà, la UIL FPL sarà come sempre al vostro fianco! Buona fine e buon principio.

31 dicembre 2018