Il riformismo politico e sindacale tra passato, presente e futuro

Riformismo, una parola che per un Sindacato come il nostro significa molto, rappresentando uno dei valori ispiratori della nostra organizzazione sin da tempi ormai lontani in cui si sono attivate le dinamiche che ci hanno portato ad essere quello che siamo oggi. Guardare da dove veniamo e come siamo cresciuti ci permette di porci diversamente verso il futuro assumendo maggiore identità e consapevolezza. Questo perchè la storia politica e sindacale del nostro paese ci mostra come le maggiori conquiste sociali del mondo contemporaneo siano state realizzate attraverso il riformismo. E proprio partendo da questo concetto la UIL ha voluto promuovere un importante convegno per parlare di riformismo passato e futuro, ripercorrendo la storia del Sindacato italiano, di pari passo a quella della politica, a partire dalle origini e toccando il dualismo ininterrotto proprio tra riformismo e ovviamente massimalismo.

In questo importante momento di approfondimento sono state presentate delle slides preparate dal Segretario Confederale, Antonio Foccillo (che potrete consultare e scaricare dal link in fondo alla pagina), molto utili per comprendere e seguire in maniera schematica tutti i passaggi di questa storia, iniziata anche grazie a personaggi storici del calibro di Filippo Turati, vero punto fermo dell’ala riformista del Partito Socialista sia prima che dopo lo scisma di Livorno del 1921, passando per Bruno Buozzi, vero padre del sindacalismo moderno riformista. Un vero e proprio viaggio che permetterà di toccare con mano sia l’aspetto storico, che politico e soprattutto sindacale, approfondendo anche le diverse conquiste ottenute proprio dal sindacato riformista nelle diverse epoche storiche di riferimento.

Questi aspetti, toccati anche dallo stesso Foccillo e dal Segretario Generale, Carmelo Barbagallo, ci permettono di riflettere sulle moltissime battaglie portate a termine seguendo un filo comnduttore che ci ha giudato dalla nascita, permettendoci oggi di discutere di passato, presente e soprattutto futuro con il riformismo al centro del dibattito. La UIL, infatti, è forse la maggior forza riformista italiana e proprio per questo riteniamo che sia corretto che proprio dalla stessa UIL parta una riflesione che vada oltre il sindacato e che racchiuda l'orizzonte politico, culturale, sociale ed economico di questo paese.

SCARICA LE SLIDES

20 ottobre 2017